Il FESTIVAL DEI FESTIVAL di Lugano - Switzerland, membro fondatore dell’International Alliance for Mountain Film, è una rassegna internazionale dei festival della cinematografia di montagna nata nel 1993.

Durante l'evento vengono proiettati i film vincitori dei festival di cinema di montagna che si tengono in tutto il mondo quali ad esempio Trento (I), Autrans (F), Tegersee (D), Torello (E), Kendall (GB), Graz (A), Poprad (SK), Teplice (CZ), Telluride (USA), e Banff (CAN) (la lista completa si può trovare sul sito dell'International Alliance for Mountain Film).


Ogni edizione propone inoltre conferenze con tematiche legate a ricorrenze particolari con la partecipazione di personaggi di fama internazionale.

Vengono pure effettuati incontri con le scuole e promosse attività culturali, quali un concorso di letteratura alpina, un’esposizione d’arte e un concorso video con temi legati alla montagna.


Da uno scritto del 2002 di Erminio Ferrari, giornalista

Signore e Signori,

gli occhi con cui noi uomini guardiamo alla montagna, da millenni hanno prodotto le immagini più diverse: ricche, temibili, affascinanti, degradate, incantevoli. Ma soprattutto: nuove. Nelle società, nel tempo, nell'esperienza di ciascuno.

Noi alpinisti, che talvolta ci picchiamo di avere trovato la chiave d'accesso al cuore più autentico delle montagne - proprio perché più difficile da raggiungere, lontano, verticale - abbiamo la presunzione, e ce ne concederete, di avere qualcosa di importante da dire in questo anno internazionale dedicato alla montagna.

E questo "qualcosa" è l'esperienza del rapporto diretto, psichico e fisico, con la montagna in tutte le sue manifestazioni, le sue stagioni, dalle basse alle altissime quote. Un'esperienza che ha conosciuto l'anelito della scoperta, la frenesia della conquista, e infine la maturità del rispetto, pur in mezzo alle contraddizioni proprie della nostra condizione di uomini.

Il Festival dei Festival vuole essere lo specchio di questa vicenda: immagini, riflessioni, parole di uomini che con la montagna e sulla montagna si sono misurati, rivelando a sé stessi e agli altri una parte della nostra umanità.

Mi auguro che anche a voi, signore e signori, la montagna sappia dare altrettanto.